«La Wärtsilä non ha mai parlato di conti negativi in passato. È sospetto che lo faccia adesso»