Torna l’adunata alpina della Monte Suello dopo tre anni di assenza

C’è grande attesa a Nozza e a Vestone per l’adunata sezionale delle Penne nere della sezione Ana Monte Suello di Salò organizzata per questo fine settimana dai due gruppi alpini. Un’attesa che è durata più di due anni, visto che l’evento era inizialmente programmato per settembre 2020, ma che a causa della pandemia è stato rimandato per due volte.

Le Penne nere di Nozza e di Vestone, capitanate rispettivamente dai capigruppo Marco Melzani e Marco Scaglia, hanno fatto le cose in grande e predisposto un intenso programma da domani a domenica 4 settembre. L’adunata sarà anche l’occasione per festeggiare i 150 anni del Corpo degli Alpini. Servizio.

«Non si può dimenticare tutto l’impegno di servizio al Paese, sia in tempo di guerra che in quiete – evidenzia il presidente della Monte Suello, Sergio Poinelli -: ne va fatta memoria e va continuato come modalità di vita con azioni di solidarietà e di generosità facendolo conoscere alle nuove generazioni per suscitare e individuare il modo di fare cittadinanza attiva. Ecco il significato dell’adunanza sezionale di Vestone-Nozza: da 150 anni e per sempre ci unisce un particolare spirito di corpo e un forte legame di adesione».

Gli eventi

La manifestazione avrà un prologo domani sera, alle 20 a Mocenigo, nel chiostro dell’ex caserma Chiassi con lo scoprimento della targa dei cittadini onorari, molti dei quali alpini, a cui seguirà la conferenza, a riguardo degli storici Alfredo Bonomi e Giancarlo Marchesi «Dai frati agli alpini», accompagnata dal corpo musicale di Vestone.

Nella mattinata di sabato è in programma una visita guidata ai paesi di Nozza e Vestone mentre nel pomeriggio presso l’oratorio di Vestone si svolgerà il torneo di calcio delle tre sezioni alpine bresciane. Il via ufficiale sarà dato alle 15.30 con il saluto del sindaco Roberto Facchi alle autorità, in sala consiliare. Alle 17.30 la sfilata dalla Rocca di Nozza, da Villa Bertelli, dimora estiva del generale Luigi Reverberi eroe di Nikolajewka, fino al monumento ai caduti di Nozza, dove si terrà l’alzabandiera e la deposizione di una corona d’alloro. A seguire carosello della fanfara Star Of Alps di Villanuova. Concluderà la giornata il concerto del coro della Brigata Alpina Tridentina in congedo, alle 21 nella chiesa parrocchiale di Vestone.

La sfilata

Domenica la grande sfilata prenderà il via alle 9.45 da Nozza fino a Vestone, passando per Mocenigo, con arrivo in largo Nikolajewka dove si terranno i discorsi delle autorità. Alle 11 la messa nella parrocchiale di Vestone. Al termine il passaggio della «stecca» al gruppo di Gavardo che organizzerà l’adunata sezionale nel 2023 e l’ammainabandiera. La festa proseguirà con il pasto alpino presso il palazzetto dell’ex caserma Chiassi.