Wärtsilä: “La procedura di licenziamenti continua. Sì a una reindustrializzazione”. Il ministro: “Reagiremo al muro di indisponibilità”

>